San Marino
Storia e geografia


Uno Stato sovrano nel cuore dell’Europa

Situata all’interno della penisola italiana, la Repubblica di San Marino ha una superficie di 61 km2 e circa 33.000 abitanti. Fondata il 3 settembre 301 d.C., è il più antico Stato sovrano e Repubblica costituzionale del mondo.

San Marino è una Repubblica parlamentare con due Capitani Reggenti (Capi di Stato) e un Parlamento composto da 60 membri. La lingua ufficiale è l’italiano e la moneta l’euro.

È facilmente raggiungibile: si trova a soli 15 km dal casello autostradale Rimini Sud A14, a 25 km dall’Aeroporto Internazionale di Rimini-San Marino, a 110 km dall’aeroporto di Ancona e a 130 da quello di Bologna, che ha ottimi collegamenti con le principali città europee. Nel territorio sammarinese è inoltre presente un aerodromo con pista di atterraggio in erba di 650 metri di lunghezza, idonea per aeroplani leggeri da turismo.

La vicina città di Rimini, oltre a disporre di una stazione ferroviaria ben collegata, ospita un porto turistico con 622 ormeggi e uno specchio d’acqua che supera i 100.000 m2. I porti di Ancona e Ravenna distano, rispettivamente, 120 e 86 km.

Ogni anno oltre due milioni di turisti visitano San Marino, riconosciuta dall’UNESCO come testimonianza eccezionale di una democrazia rappresentativa fondata sull’autonomia civica e l’autogoverno. San Marino è la capitale di una Repubblica indipendente dal XIII secolo, con una continuità unica e senza interruzioni.

L’economia sammarinese si è sviluppata secondo un approccio multi-vocazionale, che promuove, in particolare, settori ad alto valore aggiunto. Il Paese ha un’economia diversificata basata su piccole e medie imprese nei settori dell’industria, dei servizi bancari e finanziari, del commercio, del turismo, dell’agricoltura e dell’artigianato.

L’assetto istituzionale e il processo legislativo della Repubblica di San Marino sono caratterizzati da una “filiera corta”. Contatti diretti con i referenti istituzionali e la disponibilità a trovare soluzioni su misura a supporto dei progetti proposti fanno di San Marino una piattaforma di sicuro valore per l’attività di impresa. Sono necessari pochi mesi per licenziare un processo legislativo e codificare nuove norme a supporto di uno specifico ambito di interesse. La rapidità e la flessibilità dei procedimenti deliberativi rendono merito all’importante valore del fattore “tempo”, con considerevoli ripercussioni finanziarie sui mercati internazionali, anche in termini di competitività.

Stabilità istituzionale e sociale, un sistema di stato di diritto, un regime fiscale competitivo e il basso impatto della burocrazia costituiscono elementi di particolare valore competitivo.

San Marino: Patrimonio mondiale dell’UNESCO

L’eccezionale valore del patrimonio storico e istituzionale della Repubblica di San Marino è stato riconosciuto il 7 luglio 2008 con l’inserimento del Monte Titano e del Centro Storico di San Marino nella prestigiosa lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO.

Secondo la Dichiarazione di Eccezionale Valore Universale adottata dall’UNESCO:

“San Marino è una delle Repubbliche più antiche del mondo e l’unica città-stato sopravvissuta, e rappresenta una tappa importante nello sviluppo dei modelli democratici in Europa e nel mondo. Le espressioni tangibili della continuità della sua lunga permanenza come capitale della Repubblica, il suo immutato contesto geo-politico e le sue funzioni giuridiche e istituzionali sono testimoniate dalla sua posizione strategica in cima al Monte Titano, dalla sua struttura urbanistica storica, dai suoi spazi urbani e dai suoi numerosi monumenti pubblici. San Marino è ampiamente riconosciuto come simbolo di una città-stato libera, rappresentata nel dibattito politico, nella letteratura e nelle arti nel corso dei secoli… San Marino e il Monte Titano sono una testimonianza eccezionale dell’istituzione di una democrazia rappresentativa basata sull’autonomia e sull’autogoverno. San Marino città, con una continuità ininterrotta come capitale di una Repubblica indipendente dal XIII secolo, è unica al mondo. San Marino è una testimonianza eccezionale di una tradizione culturale viva che ha resistito durante ultimi settecento anni…”.

La storia

Il territorio della Repubblica di San Marino è stato frequentato e abitato fin da tempi remoti, come testimoniato dal ritrovamento di numerosi resti archeologici risalenti all’età Neolitica (III millennio a.C.). Tracce importanti della presenza umana sono state rinvenute nell’età del bronzo e del ferro, oltre che in età villanoviana, romana e gota.

Sul Monte Titano, dove si stabilì per la prima volta la comunità di San Marino, sono stati ritrovati anche i resti di un importante sito culturale. In questo luogo, che iniziò ad essere frequentato nel V secolo a.C., veniva venerata una divinità che si credeva possedere poteri taumaturgici.

La comunità da cui successivamente ebbe origine lo Stato di San Marino si consolidò nel tardo Medioevo, probabilmente intorno ad un monastero, edificato sul Monte Titano già nel VI secolo a.C. La leggenda fa invece risalire l’origine della società sammarinese all’arrivo sul monte Titano di un sant’uomo, Marino, proveniente dall’isola di Arbe, in Dalmazia. Nel 257 d.C., Marino giunse a Rimini per lavorare come scalpellino e successivamente decise di trasferirsi sul monte Titano per vivere come eremita. Marino visse qui, circondato da fedeli, fino alla sua morte nel 301 d.C. Ricevette il monte Titano in dono dalla legittima proprietaria, in favore della quale aveva compiuto un miracolo, e successivamente lo lasciò in eredità a chi aveva vissuto vicino a lui.

Il territorio sul quale successivamente si consolidò la società sammarinese era sotto il controllo politico del Papa e del Vescovo di Montefeltro. Solo a partire dalla fine del XIII secolo, durante l’Età comunale, i cittadini sammarinesi iniziarono lentamente a liberarsi da questo dominio, sviluppando propri statuti, organi giudiziari e politici in grado di gestire in autonomia la comunità.

A tal proposito, i cittadini sammarinesi potevano contare sull’aiuto dei Montefeltro, Signori di Urbino, che erano in guerra con i Malatesta, Signori di Rimini, e con il Papa. I Montefeltro, infatti, consideravano San Marino un potente avamposto e un importante alleato, quindi ne favorirono lo sviluppo territoriale, il rafforzamento militare e il desiderio di autonomia.

Nel 1300 San Marino continuò lentamente a svincolarsi dai poteri politici del Vescovo e ad espandere il proprio territorio, che nel 1463 raggiunse le dimensioni odierne (61 chilometri quadrati). In quell’anno, infatti, San Marino ricevette alcuni borghi e Castelli come ricompensa per aver contribuito alla sconfitta dell’esercito di Sigismondo Malatesta, che, a quel tempo, era in guerra con il Papa.

All’inizio del 1600 il Ducato di Urbino entrò a far parte dello Stato Pontificio. San Marino, però, grazie alla sua capacità diplomatica, riuscì a rimanere indipendente, ma dovette accettare la “protezione” di Roma, che consisteva in realtà in un controllo costante della sua libertà d’azione e autonomia. Lo Stato Pontificio, infatti, considerava la libertà di San Marino come qualcosa di derivante dalle sue concessioni esclusive. Nel 1739, alla luce di ciò, lo Stato Pontificio cercò di porre fine a questa situazione occupando il piccolo Stato tramite il cardinale Giulio Alberoni. Tuttavia, dopo alcuni mesi, il Papa capì che la maggioranza dei cittadini sammarinesi non avrebbe accettato la perdita della propria libertà e che tale occupazione aveva creato un certo malcontento in varie Corti europee. Pertanto, il 5 febbraio 1740 la Repubblica, pur rimanendo sottoposta a “tutela” e vigilanza come in passato, recuperò la sua antica indipendenza.

Geografia

  • Posizione: Europa meridionale, Stato enclave nell’Italia centrale
  • Coordinate Geografiche: 43 46 N, 12 25 E
  • Area: 61 kmq
  • Perimetro di confine: 39 km
  • Paesi confinanti: Italia
  • Terreno: montagne scoscese
  • Punto più basso: Torrente Ausa 55 m; Punto più alto: Monte Titano 755 m
  • Clima: mediterraneo; inverni da miti a freschi; estati calde e soleggiate

Informazioni generali

Nome ufficiale Repubblica di San Marino
Superficie 61.16 km2
Capitale San Marino (4.284 abitanti a giugno 2011)
Comuni La Repubblica di San Marino è suddivisa in nove Castelli; il più popoloso è Serravalle (10.402 abitanti a giugno 2011)
Forma di governo Repubblica parlamentare
Organo legislativo Consiglio Grande e Generale (60 consiglieri)
Organo esecutivo Congresso di Stato (10 membri)
Popolazione residente 32.031 (a giugno 2011)
Valuta Euro
Principali gruppi etnici Sammarinese, Italiano
Religione Cattolicesimo
Lingua Italiano

Per ulteriori informazioni su San Marino, puoi visitare il sito web della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, per la cooperazione economica internazionale e le telecomunicazioni.